Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Incassi, in testa Cortellesi

2376 views

Dietro a Ma cosa ci dice il cervello, seguono After e l’horror La llorona

22 aprile 2019

La Pasqua frena, e parecchio, il cinema. Nel weekend pasquale, come avviene quasi ogni anno, gli incassi si abbassano (tra ritrovi in famiglia e uscite fuori città), per poi magari risalire già a Pasquetta. In realtà il mercato attende molto di più il prossimo fine settimana, con anticipo a mercoledì 24 aprile con l’uscita di Avengers: Endgame e poi un incastro di “ponti” tra 25 aprile e 1° maggio che potrebbe dare una spinta formidabile al film della Marvel. In ogni caso, da giovedì 18 a domenica 21 aprile nel campione Cinetel si sono incassati 5.169.078 euro, con numeri quasi dimezzati (-46%) rispetto all’ottimo precedente fine settimana che aveva fatto registrare 9 milioni e mezzo di euro. Al comando troviamo Ma cosa ci dice il cervello (Vision) di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi super protagonista: la coppia (anche nella vita) che poco più di un anno fa fece faville – ma c’era anche Antonio Albanese – con Come un gatto in tangenziale non si ripete: il film, pur con un cast di supporto variegato e ricco e un’alternanza di personaggi, location e toni (è una commedia molto action, con venature perfino da spy story), si ferma al debutto a 1.119.697 euro in 581 sale, con una media di 1.927 euro a schermo piuttosto bassa per un leader della classifica. Scende al 2° posto After (01) con 974.673 euro: il teen movie, partito molto bene, perde ben il 70% – segno di una “chiamata” iniziale molto forte su spettatori già molto motivati – e arriva a un totale di 5.198.152 euro; comunque un successo, per il genere e il target. Chiude il podio al 3° posto l’horror La Llorona – Le lacrime del male (Warner), con 607.818 in 315 schermi, per una media sala molto simile al film di Milani (1.930 euro); essendo uscito di mercoledì, il totale è di 748.748 euro.

Al 4° posto troviamo Dumbo (Disney) di Tim Burton, che al quarto weekend si difende bene e incassa ancora 408.800 euro, arrivando a un soffio dai 10 milioni complessivi (ora è a 9.989.220 euro). Al 5° posto un altro film italiano al debutto, ovvero Il campione (01), opera prima di Leonardo D’Agostini con un’ottima coppia di protagonisti, ovvero Stefano Accorsi e Andrea Carpenzano: 298.090 euro il suo incasso in 335 sale, per una media (bassa) di 890 euro. Al 6° posto Shazam! (Warner), che al terzo weekend incassa 277mila euro e arriva a un totale di quasi 3,4 milioni, seguito al 7° posto Hellboy (M2) che al secondo weekend sfiora i 262mila euro (-66%), per un incasso complessivo di 1.197.672 euro. All’8° posto il film di animazione Wonder Park (Fox), che al secondo weekend incassa 176.914 euro e arriva a 985.586 euro. Chiudono la top ten, al 9° posto Cafarnao (Lucky Red) di Nadine Labaki con 143.793 euro al secondo weekend, per un totale di 489.827 euro, e al 10° posto il film di animazione francese A spasso con Willy (Notorious), che al debutto incassa 127.827 euro in 264 per una media di 484 euro.

Tra le altre novità troviamo al 13° posto Il ragazzo che diventerà re (Fox) con 65.253 euro in 183 schermi, per una media sala di 357 euro; al 14° posto la commedia francese Le invisibili (Teodora) con 64.931 euro in 48 sale per una media di 1.353 euro; al 15° posto un’altra commedia francese, Cyrano mon amour (Officine Ubu) con 57.423 euro in 67 schermi (media: 857 euro); al 21° posto una commedia che arriva da Cipro, Torna a casa, Jimi! (Tucker) con 30.062 euro in 25 sale per una media di 1.202 euro.

Escono infine dai primi dieci posti i seguenti film: all’11° posto A un metro da te (Notorious), con 92mila euro al quinto weekend e un totale di 4,8 milioni; al 12° posto Book Club – Tutto può succedere (Bim), con 70mila euro al terzo weekend e un incasso globale di 1.150.264 euro; al 16° posto Noi (Universal) con 56mila euro al terzo weekend e un totale di 1.242.597 euro; al 18° posto Il viaggio di Yao (Cinema) che al terzo weekend aggiunge altri 36mila euro, arrivando a un totale di 616mila euro.

 

Antonio Autieri

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail