Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Cannes, il programma ufficiale

Festival
1806 views

Anche Il traditore di Marco Bellocchio in concorso, insieme tra gli altri a Jim Jarmusch, Pedro Almodovar, Dardenne, Arnaud Desplechin, Ken Loach, Xavier Dolan e Terrence Malick

18 aprile 2019

 

È stata svelata oggi a Parigi la selezione ufficiale del 72° Festival di Cannes in programma dal 14 al 25 maggio. Edizione che nella locandina omaggia Agnès Varda, la grande regista appena scomparsa, ritratta dietro la macchina da presa durante le riprese del suo primo film, La Pointe Courte del 1954. Mancano ancora le sezioni autonome, Semaine de la Critique e Quinzaine des realisateurs, i cui titoli saranno annunciati nei prossimi giorni.

Il delegato generale Thierry Fremaux ha presentato un cartellone ufficiale sulla carta di ottimo livello, che dovrebbe cancellare i ricordi delle ultime due edizioni non eccelse; ma ovviamente nomi di registi e attori e titoli di film sono suggestioni, da confermare poi a visioni avvenute. In concorso anche un film italiano: Il traditore di Marco Bellocchio, con Pierfrancesco Favino nel ruolo del pentito Tommaso Buscetta (nelle sale dal 23 maggio, nel giorno dell’anniversario della Strage di Capaci). In gara per la Palma d’oro e gli altri premi anche The Dead don’t die di Jim Jarmusch, Dolor y gloria di Pedro Almodovar, The Wild Goose Lake di Diao Yinan, Parasite di Bong Joon Ho, Le Jeune Ahmed dei fratelli Dardenne, Roubaix, une lumière (Oh Mercy!) di Arnaud Desplechin, Sorry we missed you di Ken Loach, Matthias e Maxime di Xavier Dolan, nonché il ritorno di Terrence Malick con A hidden Life, a otto anni dalla sua vittoria con The Three of Life. Non ci sarà invece, salvo colpi di scena dell’ultima ora, l’attesissimo C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, che non è stato ancora ultimato secondo quanto affermato da Frémaux.

Tra i film fuori concorso, desta curiosità il documentario Maradona di Asif Kapadia, che racconta gli anni napoletani del campione argentino. Da un regista come Kapadia, già autore degli struggenti documentari su Ayrton Senna e su Ami Winehouse (quest’ultimo vincitore del premio Oscar), ci aspettiamo grandi cose.

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail