Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Il cinema anche all’Ospedale di Niguarda

245 views

Dopo la sala del Gemelli di Roma, aperta a Milano una nuova sala della onlus MediCinema

14 novembre 2018

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, alla presentazione della sala cinema a Niguarda

Grande presentazione, ieri a Milano, all’ospedale Niguarda per la nuova sala cinematografica. La seconda di questo tipo, dopo quella del Policlinico Gemelli a Roma. Entrambe realizzate da Medicinema  Italia Onlus, con il grande supporto di Disney Italia. A Milano, a Niguarda, da anni si svolgevano proiezioni di film in una sala attrezzata, con proiettori cinematografici e collaborazione di aziende e operatori del settore, nello Spazio Vita. Ma ora c’è una vera sala cinematografica, di 250 metri quadri e con 80 posti a disposizione , che non sfigurerebbe in una moderna multisala. Un progetto che coniuga il sollievo ai pazienti e ai propri cari, proponendo settimanalmente film in grado di intrattenere e rendere meno gravoso il periodo passato in ospedale, a un’innovativa concezione terapeutica con il cinema prezioso alleato della cura medica. Il tutto con attenzione ai particolari, dagli orari agli spazi alla logistica: anche chi è allettato o in sedia a rotelle può partecipare alle proiezioni. Prima proiezione per bambini, lunedì 12 novembre, con Gli incredibili 2.

La presentazione è stata in grande stile, con ospiti come il sindaco Giuseppe Sala, i vertici di Disney Italia e manager anche internazionali della major e alcuni artisti, a supportare responsabili e volontari di MediCinema. Foltissima la rappresentanza di stampa e media. «È un progetto che incarna le migliori qualità di Milano», ha affermato il sindaco Sala, «una città che ha la capacità di mettersi insieme e aderire alle buone idee. Comune, Ospedale, aziende e volontariato: tutte le forze in campo sostengono con convinzione questo progetto straordinariamente milanese».

«Negli ultimi dieci anni l’ospedale è cresciuto e si è trasformato» ha rimarcato Marco Trivelli, direttore generale del al Grande Ospedale Metropolitano Niguarda. «Sappiamo che i migliori risultati terapeutici avvengono se ci si vuole curare: questa iniziativa stimola l’impegno del paziente a volersi curare. Il cinema è uno strumento fondamentale da questo punto di vista, anche se all’inizio qualcuno lo vedeva non appropriato a un luogo come questo».

I manager internazionali Walt Disney Company Sara Hanson e Matthew Grossman, Fulvia Salvi (presidente Medicinema Italia), il sindaco Giuseppe Sala, Daniel Frigo (amministratore delegato The Walt Disney Company Italia), Marco Trivelli (direttore generale Niguarda)

«All’inizio c’era scetticismo» ha confermato Fulvia Salvi, presidente di Medicinema Italia Onlus, anima instancabile del progetto, «perché c’erano molti ostacoli da superare quanto a sicurezza dei pazienti, loro trasporto nella sala di proiezione… Sembrava impossibile. Tutto è iniziato con Spazio Vita, di cui ringrazio la responsabile Giovanna Oliva. Come ringrazio tutti quelli che ci hanno dato sostenuto o aiutato: i nostri volontari, Pino Chiodo e il suo staff di collaboratori per la proiezione, Cinemeccanica, imprese e fornitori, lo staff medico. E Walt Disney Italia, a partire da Daniel Frigo e Fabiola Bertinotti: sono stati una spalla e un supporto; senza di loro non saremmo mai partiti». Un progetto che ha dimostrato, «che un percorso di cura strutturato può servire a una riabilitazione», tanto da dar vita a progetti di ricerca e sperimentazione per valutare l’impatto del cinema e di altri strumenti audiovisivi (anche in collaborazione con il Museo Interattivo del Cinema di Milano e il suo direttore Matteo Pavesi) sui pazienti, come messo in luce dalla dottoressa Gabriella Bottini, responsabile del Centro di Neuropsicologia cognitiva a Niguarda,sotto forma di stimolo alla memoria, al linguaggio, alle conoscenze cognitive e all’espressione di emozioni. La ricerca si sta dunque orientando sull’ipotesi che il cinema possa servire in particolare alle cure di specifiche patologie, secondo concetti moderni di riabilitazione.

Daniel Frigo, amministratore delegato di Walt Disney Company Italia, ha ricordato gli imminenti 90 anni di Topolino: «È bello inaugurare questo cinema in coincidenza di questa ricorrenza. Sono sicuro che questa iniziativa porti sollievo, qualcosa di bello ai pazienti, alle famiglie, ai medici». Della major erano presenti anche Fabiola Bertinotti, Director Corporate Communications e due manager internazionali: Sara Hanson e Matthew Grossman. Inoltre Disney Italia ha realizzato una galleria di riproduzioni delle opere degli artisti dell’Accademia Disney, presentate dal suo direttore Roberto Santillo.
Tanti gli ospiti, come detto, alla conferenza di inaugurazione . Tra questi, il cantante-attore Fabio Rovazzi, i comici Marco Della Noce e Angelo Duro, l’attrice Marilù Pipitone e il velista Andrea Stella, da quindici anni paraplegico dopo un incidente che lo blocca sulla sedia a rotelle ma non gli ha tolto la passione e l’impegno per la vela.

Antonio Autieri

Lo spot realizzato per MediCinema Italia da Giuseppe Tornatore, con musiche di Claudio Baglioni, proiettato ieri in sala

cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail