Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Incassi, ancora Schiaccianoci

498 views

Il film della Disney rimane in testa alla classifica Cinetel del weekend. Sul podio due novità d’autore: Tutti lo sanno e Notti magiche

12 novembre 2018

Dopo lo straordinario weekend precedente, che coincideva con un ponte festivo di quattro giorni, il box office italiano rientra nella normalità. Da giovedì 8 a domenica 11 novembre si sono incassati nel campione Cinetel 7,2 milioni, meno della metà dei 15 dello scorso rilevamento; ma è un confronto improponibile, considerata l’eccezionalità dei cosiddetti “festivi di novembre” che quest’anno cadevano particolarmente bene consegnando 4 giorni di “ponte” al cinema. Giorni sfruttati bene, non c’è dubbio.

Pagano il confronto anche i singoli film, ovviamente. Compreso il leader della classifica, che pur confermandosi in testa perde il 60% degli incassi da un weekend all’altro: ma il fantasy Lo schiaccianoci e i quattro regni (Disney),che ha comunque incassato altri 1.742.138 euro nei suoi 666 schermi (media non eccelsa per un front runner, 2.616 euro a sala) aveva marciato bene anche nei feriali, cosa non scontata per un film per bambini e per famiglie ma evidentemente in grado di rivolgersi anche a un pubblico adulto, magari amante delle musiche di Ciajkovskij e del celebre balletto (cui i bei titoli di coda danno ampio spazio). Il totale, dall’uscita del 31 ottobre, è già arrivato a 7 milioni di euro: sicuramente un ottimo risultato, anche se è presto per un bilancio definitivo sull’esito del film.

A seguire, sul podio, due nuovi film entrambi d’autore. Al 2° posto irrompe Tutti lo sanno, film scritto e diretto dal regista iraniano Asghar Farhadi per una coproduzione europea tra Francia, Spagna e Italia con Lucky Red, che ne è anche distributore nel nostro mercato. Molto buona la partenza di 703.324 euro per un film europeo, per quanto le star Javier Bardem e Penelope Cruz (oltre al grande attore argentino Ricardo Darín) hanno sempre una certa chiamata da noi come si è visto pochi mesi fa con il film su Pablo Escobar. Proposto in 288 sale, la media di 2.442 euro a schermo è sicuramente buona per questo giallo d’autore sulle ambiguità di una famiglia spagnola. Al 3° posto, debutta Notti magiche di Paolo Virzì (01) con 657.387 euro in 369 sale, per una media di 1.782 euro a schermo. Una partenza non eccezionale (il precedente Ella & John, che pure non è il suo successo maggiore, partì con un incasso doppio; partenza da 1,6 milioni per Il capitale umano e La pazza gioia), dovuta sicuramente a un cast ricco ma meno esplosivo dei precedenti titoli (i tre protagonisti sono esordienti o quasi) ma anche a critiche complessivamente non molto positive. Oltre al fatto che i film sul cinema – ahinoi – interessano meno di un tempo. Ma rimane un buon film: speriamo che abbia chance di crescere nei prossimi giorni e settimane.

Al 4° posto, perde una posizione (e il 58% di incassi) un altro film italiano: la commedia Ti presento Sofia di Guido Chiesa (Medusa), che porta a casa altri 612.966 euro – in 404 schermi, media 1.517 euro a sala – e totalizza dopo il secondo weekend 2,3 milioni di euro. Non male, è anzi il miglior risultato italiano da settembre. Perde una posizione e la stessa percentuale rispetto al weekend di debutto anche First Man – Il primo uomo (Universal), il film di Damien Chazelle su Neil Armstrong e la sua impresa sulla Luna, che incassa 603mila euro in 385 schermi (media: 1.567 euro) per un totale a un soffio dai 2,4 milioni. Scende dal 2° al 6° posto, invece,  Il mistero della casa del tempo (01), che realizza altri 587mila euro (-64% rispetto all’esordio) in 350 schermi in cui è programmato, con una media di 1.678 euro a sala. In totale, dopo il secondo weekend questo thriller fantasy per bambini si avvicina ai 2,7 milioni.

Al 7° posto un altro nuovo film in classifica: il thriller action Hunter Killer – Caccia negli abissi (Eagle) parte con 405.676 euro in 215 schermi (media: 1.887 euro). Anche all’8° posto c’è spazio per una novità, Overlord (Fox), strano connubio tra film di guerra, horror e fantascienza: il debutto non è fragoroso, con 289.541 euro in 281 schermi (media piuttosto bassa, 1.030 euro). È invece ormai un long seller A Star is Born (Warner), al 9° posto con quasi 260mila euro e un totale al quinto weekend di 6,4 milioni. Chiude la top ten Euforia (01): il film diretto da Valeria Golino, con l’ottima coppia formata da Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea, incassa al terzo weekend 144mila euro totalizzando complessivamente 1,4 milioni. Risultato non scontato per un film d’autore che tocca un tema come la malattia.

Dai primi dieci posti sono usciti: Halloween (Universal), all’11° posto con 139mila euro e un ottimo totale di 3,2 milioni dopo il terzo weekend; molto bene anche Il verdettoThe Children Act (Bim), al 12° posto con 128mila euro e un bel risultato complessivo dopo il quarto weekend di 1,7 milioni (eccezionale per un film molto drammatico, sicuramente trascinato – oltre che dal tema etico – dall’ottima performance di Emma Thompson); l’horror Hell Fest (Notorious), al 15° posto con 60mila euro e un incasso globale di 688mila euro dopo due weekend; Piccoli brividi 2: I fantasmi di Halloween (Warner), al 16° posto con 57mila euro e un totale di 1,9 milioni dopo 4 weekend.

Tra i nuovi film, debutta al 17° posto il sorprendente Senza lasciare traccia (Adler), con quasi 49mila euro in 41 sale (buona media, con 1.191 euro a schermo), seguito al 18° posto dalla commedia La scuola serale (Universal) con quasi 47mila euro in 100 sale e una media molto bassa (469 euro) per il classico film americano solo di passaggio nei nostri cinema; il fantasy italiano per bambini Ötzi e il mistero del tempo, prodotto e distribuito da One More Pictures, al 24° con 28mila euro in 79 schermi. Anche qui media bassa (355 euro), per un film completamente diverso, di cui abbiamo parlato nelle recensioni come di un tentativo magari non robusto ma sicuramente apprezzabile per il coraggio e l’originalità. Difficilmente apprezzabili anche altri nuovi film, usciti in pochi cinema, come Il ragazzo più felice del mondo di Gipi (Fandango), con 14mila euro (ma l’ottima media di 1.791 euro in 8 schermi) e Zen – Sul ghiaccio sottile (Istituto Luce Cinecittà) con 4.800 schermi in dieci sale.

Infine, da segnalare il successo dell’evento Conversazione su Tiresia (Nexo), registrazione dello spettacolo teatrale scritto e interpretato da Andrea Camilleri riproposto per tre giorni nei cinema con oltre 414mila euro di incasso. Visto il successo, replica nazionale il prossimo 22 novembre ma anche la possibilità delle scuole di richiederlo per proiezioni mattutine.

Antonio Autieri

 

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail