Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Senza lasciare traccia

La sceneggiatura non si giova della consueta contrapposizione manichea tra la falsità del mondo civilizzato e la bontà della vita eremitica, preferendo mettere in gioco la libertà del soggetto

Un padre e sua figlia vivono felici e senza alcun legame con il mondo civilizzato, in un accampamento da loro costruito all’interno di una riserva naturale americana.

Will e Tomasine vivono in un perfetto equilibrio con il microcosmo naturale dell’enorme e selvaggio parco alle soglie di Portland, in Oregon. Amorevole padre ed ex marine affetto da disturbo post-traumatico, Will è perduto nel suo dolore silenzioso: sceglie di vivere ai margini di quella società che lo ha distrutto in perfetta simbiosi con la propria figlia, adolescente matura perfettamente educata dal padre e addestrata alla sopravvivenza. Quando i due verranno scoperti e segnalati ai servizi sociali, l’Eden selvaggio che li aveva accolti svanirà, mentre la scoperta di un mondo civilizzato inizierà ad incrinare quell’idilliaco rapporto nel quale i due avevano vissuto fino a quel momento.

Al contrario di tutti i survival movies a cui siamo abituati, il nuovo film di Debra Granik ci getta nella problematica sopravvivenza di eroi protagonisti che si muovono in un mondo in cui nulla, apparentemente, sembra essergli ostile. Padre e figlia vivono di quello che la foresta gli offre, raccolgono funghi e acqua, dormono in una tenda al riparo dai lupi e dal freddo ed occasionalmente si mescolano al caos cittadino per fare acquisti di prima necessità; gesti quotidiani e battute minimali sembrano voler costruire una linearità che ha tutto il sapore dell’idilliaco ritorno alla natura, con una camera spesso attaccata alle ambientazioni naturali e uno stile quasi documentaristico. I veri tumulti si trovano invece nel passato e nell’intimità, celati agli occhi dello spettatore finché un trauma esterno non spezza quel microcosmo fragile in cui i protagonisti si erano immersi. Già nel precedente Un gelido inverno, la quasi esordiente Jennifer Lawrence dava voce al proprio dramma esistenziale nella ricerca di un padre scomparso nel nulla: qui è una quasi esordiente – e bravissima – Thomasine McKenzie a costruirsi intorno al dramma famigliare di un padre presente (interpretato da Ben Foster), ma ferito e incapace di vivere nel mondo.
Ma il mondo busserà alla loro porta, e i due saranno costretti a riadattarsi ad una vita civilizzata che continua a stare stretta a Will, mentre affascina una curiosa Tom in piena formazione. Questa prima divergenza nel rapporto tra i due sarà il perno intorno a cui si svolgerà il resto della vicenda, che prenderà la direzione di un viaggio di formazione e di sopravvivenza – stavolta nella società – per entrambi.
In modo davvero intelligente la sceneggiatura non si giova della consueta contrapposizione manichea tra la falsità del mondo civilizzato e la bontà della vita eremitica, preferendo mettere in gioco la libertà del soggetto e la complessità dialettica della società: così anche l’apparato statale dell’assistenza sociale con cui i due eroi avranno a che fare non si presenta mai davvero come un cattivo da sconfiggere, ma piuttosto come una delle possibili voci a cui prestare ascolto nella giungla della vita. La Granik cesella gesti e parole donando una veste davvero minimale alla sua opera, evidentemente più interessata all’apparato metaforico della storia piuttosto che a quello politico e ideologico, che più semplicisticamente avrebbe potuto sfruttare. Come in una sorta di Captain Fantastic meno retorico e più viscerale, la vicenda universale di Will e Tomasine, nella sua seconda parte, è però in grado di trattare anche questioni come la delusione del sogno americano e la difficile quotidianità della popolazione che sceglie di vivere ai margini della società.
Un ermetismo di parola talvolta un po’ al limite fa forse perdere quella componente emozionale che è richiesta ad un dramma famigliare di questo calibro, mancando di ottenere fino in fondo il coinvolgimento dello spettatore nelle situazioni rappresentate. Nonostante ciò la profondità dei contenuti resta indubbia e la messa in scena raffinata. La Granik si conferma attenta osservatrice delle vite degli ultimi e magari, anche questa volta, scopritrice di un grande talento come quello di Thomasine McKenzie sembra annunciarsi.

Maria Letizia Cilea

EXTRA

Il film è tratto dal libro My abandonment di Peter Rock, a sua volta ispirato da una storia realmente accaduta nel 1999 proprio nella riserva naturale di Forest Park ai confini di Portland, in Oregon.

Debra Granik è la regista e co-sceneggiatrice di Un gelido inverno, con Jennifer Lawrence e John Hawkes, nominato a quattro premi Oscar tra cui per il miglior film. La Granik e la co-sceneggiatrice Anne Rossellini sono state inoltre nominate all’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale. Il suo primo film Down to the Bone con Vera Farmiga ha ottenuto il premio Director Prize all’edizione 2004 del Sundance Film Festival. Nel 2015 la Granik ha completato Stray Dog, documentario nominato a un Independent Spirit Award.

Dal suo primo film, vincitore al Sundance, Down to the Bone, fino al suo film nominato agli Oscar  Un gelido inverno, passando per il documentario Stray Dog, la scrittrice e regista Debra Granik ha esaminato le esistenze di coloro che vivono ai margini della società cercando disperatamente di mantenere la loro indipendenza. Senza lasciare traccia è ambientato tra le strade secondarie e gli accampamenti isolati del nord Ovest degli Stati Uniti, è tratto dal romanzo di Peter Rock, ispirato a sua volta da vicende reali.

La storia vera da cui è tratto Senza lasciare traccia è divenuta una specie di leggenda nell’area di Portland. La produttrice Linda Reisman insieme con Anne Harrison fecero leggere il romanzo di Rock alla Granik e alla sua collaboratrice di lunga data, Anne Rossellini. La storia ci porta dentro le foreste e nelle enclave rurali in Oregon e all’interno dello stato di Washington. La Granik era affascinata da questo contesto: «I film che ci portano in zone ben specifiche hanno sempre il potere di trasmetterci molto, e questa è una storia fortemente legata alla zona del nord ovest degli Stati Uniti. Potevamo visualizzare fin dall’inizio un’ambientazione, una location e un viaggio che sarebbero stati molto fotogenici, e una storia che sarebbe stata piacevole da raccontare».

I COMMENTI SCELTI DALLA REDAZIONE

POSITIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

NEGATIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail