Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Uno di famiglia

31 views

Come altre volte, c’è uno spunto forte iniziale, cui segue uno sviluppo senza molto mordente

Dopo aver salvato la vita a un ragazzo che prende lezioni di dizione da lui, imparentato con una famiglia di criminali, la vita di Luca (e della sua fidanzata) cambia radicalmente…

Luca è uno squattrinato insegnante di dizione, insicuro nelle relazioni professionali e insofferente per gli amici snob della fidanzata. Come unico successo lui può vantare la partecipazione da interprete a una lontana fiction; per il resto, guadagna qualcosa (poco) con lezioni a improbabili aspiranti attori, e altri lavori che fatica a farsi pagare. La sua vita però cambia all’improvviso quando salva la vita a un giovane (appena uscito da una sua lezione): il ragazzo fa parte – ma non se ne vanta, anzi – della famiglia Serranò, criminali della ‘ndrangheta calabrese. Zio Peppino, zia Angela, zio Carmine e gli altri lo accolgono come in famiglia, vogliono sdebitarsi di aver salvato il ragazzo. E iniziano a strapagarlo per le sue lezioni: ma in cambio dovrà assistere quasi a tempo pieno il giovane, atteso da un provino per una serie tv. Luca, che un po’ ha capito con chi ha a che fare e un po’ no, crede di potersi fermare in qualsiasi momento: ma allontanarsi da quella famiglia non è facile, dicendo no a chi non è abituato a sentirselo dire. Senza contare che tra (tanti) soldi, regali e altri favori (anche interventi sgradevoli e non richiesti contro chi non si comporta bene con lui) non è così male approfittare della generosità dei Serranò. Ma questa storia non piace a Regina, la fidanzata di Luce, anche perché vede la pericolosa zia Angela (vedova) iniziare a circuire Luca… Il vero problema è poi quando la famiglia inizia a chiedere piccole “commissioni”, cui Luca prova invano a sottrarsi. La polizia non tarda ad accorgersi di lui e a pedinarlo…
Uno di famiglia, nuova commedia di Alessio Maria Federici (tra i suoi film Lezioni di cioccolato 2, Fratelli unici, Terapia di coppia per amanti) non si distacca dai precedenti: c’è uno spunto forte iniziale, cui segue uno sviluppo senza molto mordente, con dialoghi frettolosi e “scrittura” dei personaggi molto piatta, e almeno un paio di immancabili scene sopra le righe che non aggiungono nulla. Anche in questo film tante cose non tornano: Luca ha capito subito con chi ha a che fare? All’inizio sembra di no, e il personaggio si configura come il classico tontolone di tante commedie italiane; ma poco dopo sembra già più consapevole, incerto se dar retta alla sua onestà (e alla fidanzata sempre più irritata) o se approfittare della situazione; ma senza che il dilemma si arricchisca di episodi gustosi o di equivoci meno banali del consueto. Insomma, il tema dei favori e della protezione poteva dar maggiori risultati anche comici. Quanto alle tensioni con Regina, sempre sul punto di rompere con Luca, sono fin troppo soft, tanto che la rottura arriva a sorpresa e la successiva pacificazione – fuori scena – ancor di più. La famiglia criminale è discretamente descritta, al netto di qualche incongruenza di inflessione e di qualche attore poco credibile nel ruolo; con il risultato che tutto il mondo criminale è parecchio macchiettistico, anche oltre le concessioni al comico. Che, ormai si dovrebbe sapere, con un po’ di “cattiveria” in più l’effetto comico sarebbe maggiore, per contrasto.
Insomma, Uno di famiglia è l’ennesimo spreco in commedia, se pensiamo ad alcuni interpreti bravi e simpatici: su tutti Nino Frassica, che fa bene il boss mafioso; ma anche Pietro Sermonti, in genere spalla e qui protagonista, e Lucia Ocone a tratti scatenata. Mentre Sarah Felberbaum convince solo in parte, risulta sempre un po’ “frenata”. Il vero problema, come sempre, è che per essere una commedia che ha esplicite ambizioni di risultare divertente e spensierata, si ride pochissimo (se non al limite qualche sorriso a denti strettissimi), con poche trovate azzeccate; forse solo la “prima” casalinga della fiction, con tutta la famiglia riunita per applaudire il giovane nipote/attore che poi darà loro un grande dispiacere… Ma qui si torna al punto di partenza: come mai spesso le commedie italiane hanno uno spunto forte o comunque valido all’inizio, e poi si perdono del tutto per strada? Parrebbe il solito problema di scrittura, e di fretta: che non si risolve accumulando personaggi (l’antiquario e gli altri amici, personaggi debolissimi) o episodi trascurabili. Facendo perdere di forza il nucleo centrale della storia, che si chiude bruscamente (e facilmente) lasciandoci insoddisfatti.

Antonio Autieri

EXTRA

Alessio Maria Federici nasce a Roma nel marzo 1976, dopo il diploma di liceo classico e alcune esperienze da attore cinematografico, nel 1995 vince un concorso del programma Europa Media e si diploma come filmaker/regista in un programma di studi patrocinato dall’École du Cinema di Parigi. Dal 1997 inizia a fare l’aiuto regista al cinema per i film Piovono mucche, Eccomi qua, Nessun messaggio in segreteria e per diverse campagne pubblicitarie italiane. Nel 2003 realizza il suo primo mediometraggio da regista Dove dormono gli aereoplani, prodotto e distribuito da Gianluca Arcopinto insieme ad altri quattro mediometraggi che compongono il film Bambini. Dal 2003 al 2008 collabora come aiuto regista e producer per registi stranieri ed italiani in molte campagne internazionali (Toyota, Bmw, etc). Tornato in Italia riprende il discorso interrotto con il cinema e dal 2008 al 2010 lavora come aiuto regista in vari film italiani, per poi esordire alla regia del lungometraggio con Lezioni di cioccolato 2 (2011). Nel 2013 dirige il remake di una commedia francese con Enrico Brignano e Ambra Angiolini: Stai lontana da me. Nel 2014 dirige Raoul Bova e Luca Argentero in Fratelli unici e nel 2015 torna a collaborare con Enrico Brignano sul set di Tutte lo vogliono, con Vanessa Incontrada. Nel 2016 è il regista del documentario Maradonapoli e nel 2017 di Terapia di coppia per amanti. Uno di famiglia è il suo sesto lungometraggio di finzione in sette anni.

I COMMENTI SCELTI DALLA REDAZIONE

POSITIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

NEGATIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail