Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Searching

170 views

Estraneo a una retorica contro i rischi del digitale che apparirebbe ormai anacronistica, il film col suo linguaggio particolare sembra piuttosto volersi calare il più possibile in uno scenario attuale.

Un uomo da poco rimasto vedovo è scosso dall’improvvisa sparizione della figlia adolescente. In parallelo alle indagini ufficiali, lui stesso cerca indizi tra password, messaggi, siti web e profili social.

La particolarità di Searching è che la trama si svolge interamente su uno schermo. O meglio, sugli schermi di diversi dispositivi tecnologici: un paio di computer, un cellulare, un televisore, alcune telecamere… Un linguaggio coraggioso per contestualizzare una vicenda crime nell’era contemporanea, dove qualunque informazione sembra a portata di clic e anche alle persone comuni viene naturale improvvisarsi “detective”.
Quella dei dispositivi è una mossa ardita (per quanto non unica nel suo genere) e non priva di forzature, che alla lunga può risultare un po’ soffocante. In generale però, funziona: a sostenerla quali veri punti di forza del film ci sono infatti una regia brillante – dietro la macchina da presa l’esordiente Aneesh Chaganty, americano di origina indiana – e una struttura drammaturgica solida, che rendono scorrevole la narrazione e aiutano a empatizzare coi protagonisti, nonostante il doppio filtro dello schermo dentro lo schermo. Questo si nota già dalle primissime scene, che ci raccontano in pochi minuti la nascita e l’evoluzione di una famiglia stroncata da un lutto prematuro: una sequenza asciutta ma ricca di sentimento, che ricorda vagamente l’ormai iconica sequenza d’apertura di Up. Impossibile, dopo queste prime scene, non fare il tifo per la famiglia Kim: è così che il nostro cuore è con il padre David quando, ancora segnato dalla morte della moglie, realizza con dolore che Margot, la sua unica figlia, è scomparsa nel nulla. Cercando affannosamente indizi tra i messaggi privati e i profili social di Margot, David si trova a fare i conti con un’ulteriore amara verità, ovvero che non conosce per nulla sua figlia.
Contribuiscono all’efficacia del film le buone prove di John Cho e Debra Messing, certamente non i volti più scontati per queste parti. Fa piacere vedere un nome asiatico come protagonista (non stereotipato) di un film statunitense, e la Messing dopo anni di Will & Grace forse riuscirà a ritagliarsi uno spazio al di fuori del genere comico.
Estraneo a una retorica contro i rischi del digitale che apparirebbe ormai anacronistica, il film col suo linguaggio particolare sembra piuttosto volersi calare il più possibile in uno scenario attuale. Non stupisce il fatto che il regista provenga da Google, presenza preponderante nel film (come nella realtà) oltre che significativa per l’avanzamento delle indagini, tanto da far sembrare a tratti la pellicola una campagna di branded content. Ciò che resta allo spettatore comunque, al di là del linguaggio, è una buona storia. In fondo, non è questo ciò che conta di più?

Maria Triberti

EXTRA

«Spendiamo metà del nostro tempo – spiega Timur Bekmambetov, produttore del film – sui nostri dispositivi tecnologici: la nostra “vita sullo schermo” è molto importante per noi e ci rivela così tanto di noi. Le nostre intere vite si trovano sui nostri dispositivi: paura, amore, amicizia, tradimenti, i nostri ricordi più cari, anche i nostri momenti più stupidi. Mi sembrava perciò che fosse indispensabile raccontare storie sul mondo di oggi e personaggi di oggi mostrando i nostri schermi. Perché molti eventi drammatici sulla vita si svolgono sui nostri telefoni e computer. Soprattutto, oggi facciamo anche scelte morali importanti con questi strumenti. Penso che essere in grado di descrivere tutto ciò sia un modo per riflettere autenticamente chi siamo oggi, collettivamente».

«Sin da quando ho scatenato la mia immaginazione con la mia fotocamera – spiega il regista Aneesh Chagant – mi sono sempre piaciuti i film che raccontano storie in modo sorprendente. Searching porta la ricerca linguistica sul cinema a un livello completamente nuovo. Ma quando noi giravamo, non parlavamo della novità dell’approccio. Quando ci sei dentro, non ti poni l’obiettivo di fare qualcosa di innovativo, stai solo facendo il miglior lavoro che puoi fare, cercando di essere vero nel modo di raccontare i personaggi e la storia. Ma ogni tanto, durante questo processo, io ho voluto fare un passo indietro e mi sorprendevo a pensare: “Quello che stiamo facendo potrebbe essere reale, e davvero fantastico”».

I COMMENTI SCELTI DALLA REDAZIONE

POSITIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

NEGATIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail