Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Cinema mediterraneo a Roma

Torna a Roma, dal 9 al 18 novembre il Medfilm Festival, giunto alla 24ma edizione

11 ottobre 2018

Dal 9 al 18 novembre a Roma (presso il Cinema Savoy, il Macro Asilo, il Nuovo Cinema Aquila e l’Apollo 11) si svolgerà la 24ma edizione del Medfilm Festival, il primo festival in Italia dedicato alle cinematografie del Mediterraneo e del Medioriente. Ad aprire questa edizione, in concorso, il siriano The Day I Lost My Shadow di Soudade Kaadan, Leone del futuro alla 75esima Mostra Internazionale di Venezia. A presiedere la giuria del Concorso ufficiale Amore & Psiche sarà l’attrice italiana Anna Bonaiuto. Tra i titoli in concorso: il tunisino Weldi di Mohamed Ben Attia, il turco Sibel di Çagla Zencirci e Guillaume Giovanetti e l’egiziano Yomeddine di Abu Bakr Shawky.

Il Concorso Ufficiale Cortometraggi vedrà invece l’assegnazione del “Premio Methexis” e del “Premio Cervantes Roma”, scelti dagli studenti delle Scuole internazionali di cinema, delle Università e dai detenuti degli Istituti penitenziari di Rebibbia di Roma. In collaborazione con l’Ufficio d’informazione in Italia del Parlamento europeo il festival ospiterà poi la VII edizione dei Lux Film Days a Roma, all’insegna del grande cinema europeo contemporaneo. Spazio al cinema italiano con la sezione Perle, nell’ambito della quale Costanza Quatriglio, autrice di Sembra mio figlio, terrà una masterclass presso l’ISO – il Dipartimento “Istituto Italiano di Studi Orientali” dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza. In sinergia con il Macro Asilo, confermati i Med Meetings, incontri professionali dedicati all’internazionalizzazione, insieme alle Letture dal Mediterraneo, con quatto appuntamenti letterari dedicati al fumetto e al romanzo grafico. La chiusura del festival, infine, sarà affidata a A Tramway in Jerusalem di Amos Gitai, un viaggio minimo e universale, fisico e teorico, lungo i binari del tram che attraversa Gerusalemme, nelle pieghe dilaniate del suo corpo urbano e umano.

Maria Elena Vagni

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail