Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Incassi, irrompe Venom

234 views

Nel primo weekend di ottobre, domina l’antieroe Marvel

8 ottobre 2018

Come un pendolo, il box office italiano ogni fine settimana si produce in un saliscendi condizionato dalle nuove uscite: quando sono forti, si cresce; quando si rivelano deboli, si vive di rendita sull’uscita del weekend precedente e si cala inevitabilmente. Così, dopo il calo di una settimana fa abbiamo il debutto di Venom a trainare il mercato: e dai 6,5 milioni di sette giorni fa si sale fino a 9 milioni e mezzo. Un bel risultato. E non scontata: il film Marvel-Sony, distribuito in Italia da Warner, proponeva un “eroe” meno conosciuto di altri. Inoltre, il fatto di uscire dal consolidato Marvel Cinematic Universe rendeva meno forte il progetto, mentre i fans del fumetto erano abbastanza perplessi per questo e per altri fattori legati alla gestione del personaggio. Le critiche dall’America, in genere negative, non aiutavano.

Invece, il film con Tom Hardy da giovedì 4 a domenica 7 ottobre ha incassato 3.729.138  euro nelle 560 sale del campione Cinetel in cui era proposto (salvo i consueti arrotondamenti che arrivano successivamente alla chiusura del report ufficiale), con un’eccellente media di 6.659 euro a schermo. Al secondo posto troviamo Gli incredibili 2 (Disney), che al suo terzo weekend incassa un altro milione  e mezzo in 587 sale (media: 2.652 euro) perdendo solo il 38%, per un totale di 10,3 milioni di euro. Sul terzo gradino del podio un altro film animato, che è anche una novità: Smallfoot – Il mio amico delle nevi (Warner) con 837.818 euro in 367 schermi (media, 2.283 euro).

Al 4° posto si difende bene l’horror The Nun – La vocazione del male (terzo titolo Warner tra i primi quattro della classifica) con 552mila euro, con un incasso complessivo di 5 milioni dopo il terzo fine settimana. Altra new entry al 5° posto: il dramma The Wife – Vivere nell’ombra (Videa) parte bene con quasi 450mila euro in 210 sale e la media di 2.141 euro, molto positiva. Molto bene al 6° posto BlacKkKlansman di Spike Lee (Universal), che con 339mila euro perde appena il 17% rispetto al primo weekend (segno di un buon passaparola, anche se la media non è altissima: 1.216 euro a schermo) per un incasso complessivo di 900mila euro. Poi due altre novità: al 7° posto Un nemico che ti vuole bene (Medusa), con 242mila euro in 279 sale (media: 868 euro), in ottava piazza Papa Francesco – Un uomo di parola (Universal), il documentario di Wim Wenders che in teoria dovrebbe essere un contenuto speciale proposto solo nel weekend (ma qualche cinema lo poterà avanti): l’incasso è di 218mila euro in 287 schermi, per una media di 762 euro. Chiudono la top ten la commedia Ricchi di fantasia (01), che al secondo fine settimana incassa 203mila euro per un totale di 622mila euro, e la nuova uscita Opera senza autore (01), film tedesco che aveva diviso favorevolmente impressionato il pubblico alla Mostra di Venezia, con 138mila euro in 168 sale (media: 823 euro a schermo).

Escono dai primi dieci posti Sei ancora qui (Eagle, 13° posto), che ha raccolto 380mila euro in dieci giorni, Tutti in piedi (Vision, 16°), con 326mila euro sempre dopo il secondo weekend, Una storia senza nome di Roberto Andò (01, 18°) con 708mila euro dopo il terzo weekend, L’uomo che uccise Don Chisciotte di Terry Gilliam (M2, 19°), con 330mila euro dopo due fine settimana. Tutti titoli che perdono oltre il 60% dal weekend precedente. Un caso a parte è Michelangelo – Infinito (Lucky Red), che scende sì dal 5° al 21° posto incassando solo 46mila euro da giovedì a domenica, ma dopo aver ottenuto numeri positivi nei feriali precedenti, per un incasso globale di 674mila euro.

Tra le nuove uscite, invece, troviamo al 12° posto Non è vero ma ci credo (Notorious) con 85mila euro in 129 sale (media: 660 euro), al 15° posto Il bene mio (Altre storie) con 78mila euro in 59 sale (buona la media di 1.334 euro), al 23° The Domestics (Eagle) con 39mila euro in 62 cinema (media, 632 euro), al 27° posto L’albero dei frutti selvatici, film d’autore del regista turco Nuri Bilge Ceylan proposto da Parthenos che incassa 26.576 in 15 sale con un’ottima media, considerato il tipo di film (che dura oltre tre ore), pari a 1.772 euro.

Infine, tra i film citati nelle scorse settimane, registriamo la buona tenuta di La casa dei libri (Bim) che al secondo weekend regge vicino ai livelli del primo e supera i 200mila euro, mentre il vincitore di Cannes, il giapponese Un affare di famiglia (Bim), riguadagna addirittura due posizioni, risalendo dal 13 all’11° posto con altri 99 mila euro e raggiungendo 826mila euro di incasso totale; ma è presumibile che arrotonderà ancora questi numeri.

Postilla: avevamo scritto della forte partenza di Un’amica speciale (Nexo Digital), due puntate della serie tv presto in onda, che era previsto in sala solo per tre giorni, da lunedì 1 a mercoledì 3 ottobre. Alla fine l’incasso è stato di 474mila euro e rotti: non clamoroso in sé, ma per un contenuto “aggiuntivo” che nei feriali ha dato una bella mano alle sale. Come pure il già citato film su Michelangelo, che ha “lavorato” molto bene nei giorni più deboli della settimana.

Antonio Autieri

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail