Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Barbera: “Sale contro Netflix, strategia fallimentare”

312 views

Il Direttore della Mostra del Cinema di Venezia è intervenuto alla proiezione del film Sulla mia pelle al cinema Ambrosio di Torino

14 settembre 2018

Faranno sicuramente discutere, e non può essere altrimenti, le dichiarazioni di Alberto Barbera, Direttore della Mostra del Cinema di Venezia, rilasciate in occasione della proiezione del film Sulla mia pelle di Alessio Cremonini al cinema Ambrosio di Torino. Il 12 settembre, alla presentazione del film – che ha avuto un grande successo di pubblico con il tutto esaurito in tre sale per un totale di 800 posti – era presente anche il protagonista Alessandro Borghi. «La data di oggi segna un punto di non ritorno, destinato a cambiare per sempre le modalità di distribuzione e fruizione dei contenuti cinematografici» ha dichiarato Barbera in quell’occasione, come riporta il quotidiano La Stampa. «Se siamo qui, tutti insieme in questa sala gremita, lo dobbiamo anche alla determinazione di Alessandro Borghi, che è riuscito a piegare la volontà di un colosso come Netflix. Ormai è chiaro che il futuro impone la coesistenza: andare allo scontro è una strategia fallimentare, le sale dovranno attrezzarsi per affrontare la nuova sfida». Sulla mia pelle, che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, è stato proiettato nella sezione Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia ed è distribuito in circa 60 sale da Lucky Red, in contemporanea sulla piattaforma streaming Netflix. Modalità distributiva che ha suscitato non poche polemiche da parte del mondo dell’esercizio cinematografico.

Maria Elena Vagni

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail