Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Un affare di famiglia

267 views

Hirokazu Kore'eda, regista giapponese che con questo film ha vinto la Palma d'Oro al Festival di Cannes 2018, tratta spesso temi legati alla famiglia

Uno strano nucleo familiare divide un piccolo appartamento. Ma quali sono i reali legami tra queste persone?

Un padre e un figlio sottraggono qualcosa in un supermercato, con sicurezza. Tutto fa pensare che siano azioni per loro frequenti, e infatti… Anche se lui ha un lavoro (fa l’operaio in un cantiere edile), e così la moglie addetta a una lavanderia. Al ritorno da quell’ennesimo furto, Osamu e il figlio vedono una bambina in mezzo alla strada, nel gelo notturno, e la portano a casa. Una piccola e umilissima casa, dove si trovano anche una nonna e una ragazza. La moglie di Osamu è restia a ospitarla, dopo averla sfamata la vogliono riportare indietro. Ma le ferite sulle braccia e le urla che provengono da casa sua, fanno cambiare idea alla coppia, che pure non sono un modello di ottimi genitori: tra “educazione” all’illegalità, condizioni precarie (neanche due lavori e i furti continui permettono loro di vivere bene: serve anche la pensione della nonna), modalità di rapporto quanto meno singolari. Ma la piccola si inserisce bene con loro: possibile che nessuno la cerchi?

Hirokazu Kore’eda, regista giapponese che con questo film ha vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes 2018, tratta spesso temi legati alla famiglia, come nei recenti Father and Son (2013), Little Sister (2015) e Ritratto di famiglia con tempesta (2016). Qui in realtà siamo di fronte a una famiglia molto particolare che – senza svelare troppo – si è formata con modalità molto particolari che il pubblico scoprirà solo nel finale, con un ribaltamento anche di senso che spiazza parecchio. Risuona spesso la domanda – peraltro declinata altre volte nel cinema, ma in modo molto diverso – sulla natura della famiglia e dei genitori, se solo il sangue abilitino a considerarsi tali o legami formati sull’affetto. Qui le cose si complicano perché le zone d’ombra, per quanto vaghe, si manifestano anche mentre le cose sembrano andar bene: c’è un figlio che non riesce ad avere manifestazioni d’affetto per il padre – cui pure è legato – e che prova insofferenza verso la nuova “sorellina” (che invece si attacca subito a lui), c’è una nonna saggia ma che fa pesare spesso il suo aiuto economico, ci sono i genitori che educano a vivere di espedienti (oltre ai furti, devono spesso nascondersi dagli assistenti sociali che pensano che in quella casa ci viva un’anziana donna sola), c’è una ragazza che per guadagnare mostra il suo corpo a clienti sconosciuti. I soldi al centro di tutto, insomma. Senza contare la bambina che – seppur non ricercata dai genitori, per parecchio tempo – viene “tranquillamente” tenuta in una casa che non è la sua. A un certo punto, di tale lontananza dalla verità, inizia a soffrire il piccolo Shota che si interroga, fa domande e manifesta disagio. Un suo “errore” genererà l’incidente che farà cadere il velo della finzione.

Rispetto ai già citati – e bellissimi – Father and Son e Little Sister, qui la narrazione è meno sciolta e il tono a tratti sentenzioso, quasi dimostrativo: come se la famiglia naturale sia per forza violenta e quella formata per “scelta” sia obbligatoriamente migliore («quando si scelgono i genitori, poi il legame è più forte»). Ma non si può negare che Kore’eda – che ha al suo recente attivo anche un cupo giallo, Third Murder, passato alla Mostra di Venezia 2017 e non uscito in Italia – sa raccontare i legami e gli affetti con una forza drammaturgica notevole. Con la forza di parole cariche di dolorosi significati («non si dovrebbe crescere sapendo di non essere voluti: come fai a essere amorevole con gli altri?») e di alcune sequenze che si scolpiscono nella memoria, come per esempio quella finale: in cui un ragazzo pronuncia la parola che non sapeva dire quando è ormai troppo tardi.

Antonio Autieri

EXTRA

«In Giappone, reati quali frodi alle pensioni e incoraggiamento al taccheggio da parte dei genitori sono severamente criticati. Ed è giusto che lo siano ma mi domando perché la gente si infuria tanto per quelle infrazioni minori a quando reati ben più gravi restano impuniti. Soprattutto dopo il terremoto del 2011, non mi trovavo a mio agio con quelli che continuavano a dire che i legami familiari sono importanti. Così decisi di approfondire l’argomento raccontando una famiglia legata dal crimine».

Hirokazu Kore’eda nasce a Tokyo nel 1962. Dopo vari documentari, nel 1995 debutta alla regia con Maborosi, che vince l’Osella d’Oro alla 52esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Con After Life (1998), distribuito in più di 30 paesi, raggiunge fama internazionale. Nel 2001 con Distance partecipa al Festival di Cannes mentre Yagira Yuya vince per Nessuno lo sa (2004), è il premio come migliore attore al Festival di Cannes.
Nel 2011, I wish vince il Premio per la Miglior sceneggiatura a San Sebastian, mentre nel 2013 Father and Son conquista il Premio della Giuria a Cannes e tanti altri premi in giro per il mondo. Nel 2015, Little Sister partecipa ancora in concorso a Cannes e vince poi quattro premi ai Japan Academy Prize. Nel 2017, The Third Murder gareggia alla 74ma Mostra di Venezia vincendo in seguito sei premi ai Japan Academy Prize (tra cui miglior film e miglior regia).

I COMMENTI SCELTI DALLA REDAZIONE

POSITIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

NEGATIVI

Nick Name 1 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 2 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Nick Name 3 : I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail