Questo sito utilizza cookies, chiudendo questo messaggio dai il tuo consenso al trattamento dei dati.

Chiudi

Un pessimo giugno

168 views

Qualcuno si era illuso che bastasse l’eliminazione della nazionale italiana dai Mondiali di calcio per avere un’estate cinematograficamente più forte. Tutte illusioni, appunto. Come sta andando l’estate italiana, l’ennesima tragica estate per le sale italiane, lo vedete tutti: operatori, che leggono gli incassi con sconforto, e spettatori che vorrebbero anche andarci al cinema, ma non sanno bene a vedere cosa (soprattutto chi non ha la fortuna di vivere nelle grandi città dove comunque continua a uscire qualche film interessante, sempre che riesca a saperlo: la comunicazione va in vacanza prima ancora dei film…).

Ma vediamo qualche numero, per capire quanto vada sempre peggio. Dopo quella che già era la peggior estate da parecchi anni, giugno 2018 ha dato il via a un periodo estivo ancora peggiore. Il peggiore, almeno negli ultimi cinque anni. Con 22,2 milioni di euro di incasso (fonte Cinetel), giugno 2018 infatti ha ottenuto il risultato più basso dal 2014, quando si incassarono 23,8 milioni (e nel frattempo i prezzi dei biglietti sono aumentati costantemente, pur se siamo ancora su livelli accettabili considerando anche altri paesi). Il mese di giugno migliore del quinquennio 2014-2018 è stata quello 2015 con 32,2 milioni di euro, segue giugno 2016 con 29,7 milioni e giugno 2017 con poco più di 25 milioni di euro.

In questo mese appena terminato, ha funzionato sostanzialmente solo Jurassic World – Il regno distrutto – unico film di forte richiamo uscito nei cinema – con 9,1 milioni di euro d’incasso; ma il precedente episodio, uscito proprio nel 2015 e sempre nei primi giorni di giugno, ottenne a fine mese 12,5 milioni. Sicuramente arrotonderà nel resto dell’estate, ma non potrà cambiare le sorti del periodo caldo.

Come finirà l’estate? A giudicare dalle uscite di luglio, ancora peggio… Poi certo ad agosto, dalle anteprime dell’11-12 agosto in poi, le cose andranno meglio. Ma arrivarci vivi, a Ferragosto. Intanto molti cinema – non solo monosale, ma anche multisale cittadine e perfino vari multiplex – chiudono per ferie per mancanza di prodotto, sperando almeno di contenere le perdite sul piano delle spese fisse. Cos’altro potrebbero fare? E dire che quando, in passato, film importanti sono usciti tra giugno e luglio i risultati non sono mai mancati. Non solo “i mitici” episodi di Harry Potter a metà luglio, ma Mission: impossible 2 nel lontano luglio 2000, il primo Spider-Man di Sam Raimi nel giugno 2002 (alla vigilia dei Mondiali di calcio!), o Twilight Eclipse il 30 giugno 2010 (sempre durante la competizione calcistica più amata). E tanti altri ancora, compresi alcuni film di animazione (Toy Story 3 sempre nel 2010, Cars 2 nel 2011), a sconfessare chi pensa non possano uscire nei mesi caldi. È proprio l’animazione, anzi, che potrebbe aiutare portando le famiglie nei cinema in città e nei luoghi di villeggiatura (sia nelle piccole sale che nei multiplex di zona). E invece, grandi film come Hotel Transiylvania 3 o Gli incredibili 2 altrove sono già usciti, mentre in Italia dovremo aspettarli a fonte agosto o metà settembre. Sia chiaro: in genere funzionano molto bene in quel periodo post vacanze. Quindi sicuramente questi due film troveranno ancora tanti spettatori (ma li avrebbero trovati comunque anche prima, dando respiro ai cinema). Qualcuno però se li sarà già visti, in Rete: ennesimo potenziale sprecato da rinvii di programmazione ormai anacronistici.

Antonio Autieri

 

Caro lettore, se ti è piaciuto questo articolo ti chiediamo un contributo, anche piccolo, per continuare a fare il nostro lavoro sempre meglio e continuare a crescere.

La redazione di Viva il Cinema!

Cosa pensi del film?

avatar
  Subscribe  
Notificami
cool good eh love2 cute confused notgood numb disgusting fail